La Biblioteca Casa Museo

REGOLAMENTO Biblioteca Angelo Di Mario

CAPO I

ISTITUZIONE E FINALITA’

Art.1: DENOMINAZIONE, ISTITUZIONE, SEDE E FINALITA’

1. La Biblioteca è denominata Angelo Di Mario.
2. La Biblioteca ha come finalità la conservazione, valorizzazione e gestione del materiale librario, documentale ed archivistico, dello scultore, etruscologo, poeta, scrittore e saggista Angelo Di Mario (1925/2013), concesso in comodato da Ivana Filippeschi, moglie e vedova di Angelo Di Mario nonché Presidente e rappresentante legale dell’Associazione Angelo Di Mario, ente gestore della Biblioteca.
3. La Biblioteca ha sede nei locali dell’abitazione natale di Angelo Di Mario sita in Via S. Antonio n. 1 Vallecupola (Roccasinibalda) provincia di Rieti.
4. La Biblioteca nasce con la finalità di rendere disponibile, in un territorio molto povero di risorse culturali e punti di aggregazione e promozione della cultura, come quello della Valle del Salto e del Turano, il pregevole patrimonio librario ed archivistico, sia generale che specialistico, frutto degli studi e ricerche di Angelo Di Mario, etruscologo e poeta, nato a Vallecupola in Via S. Antonio, attuale sede della Biblioteca.
La Biblioteca vuole favorire la crescita e l’aggiornamento culturale dei cittadini del territorio che include la Valle del Salto e la Valle del Turano, e dei cittadini in generale, in ambito regionale, nazionale ed internazionale grazie al patrimonio legato alla storia locale ma anche ad un consistente materiale librario ed archivistico in materia di Etruscologia, tramite l’accesso alla documentazione posseduta nonché attraverso ulteriori acquisizioni ed ampliamenti del proprio patrimonio librario e archivistico, l’organizzazione di momenti di lettura, presentazione di libri, organizzazione di conferenze e convegni che prevedano anche il coinvolgimento del mondo scolastico ed universitario.
La Biblioteca vuole essere inoltre un centro informativo locale per chi transita sul territorio occasionalmente per fini turistici con lo scopo di promuoverne la storia e il patrimonio naturalistico locale, fondamentale l’obiettivo di tutela e valorizzazione della storia locale. Chiunque può frequentare la Biblioteca e utilizzarne le risorse e i documenti.
Le attività elencate sono rivolte a cittadini di tutte le fasce d’età e ad associazioni ed enti attivi sul territorio. La Biblioteca aderisce al prestito interbibliotecario provinciale e adotta i protocolli del Centro di Catalogazione regionale.

Art. 2: COOPERAZIONE TRA BIBLIOTECHE

1. La Biblioteca Di Mario aderisce al servizio Bibliotecario Nazionale (SBN WEB-Polo Istituti Culturali di Roma) ed è disponibile a sinergie con biblioteche private e pubbliche. Aderisce al prestito interbibliotecario e adotta i protocolli di catalogazione locali regionali e nazionali .
2. La Biblioteca partecipa:
a) Alla promozione e coordinamento di attività culturali correlate con i beni librari e documentari
b) Alla collaborazione con altri sistemi bibliotecari e con strutture e servizi socioculturali.

Art. 3: ATTIVITA’ DELLA BIBLIOTECA

La Biblioteca svolge le seguenti attività:
a) Ordinamento e conservazione – nel rispetto degli indirizzi e degli standard bibliotecari indicati dall’Istituto centrale per il catalogo unico e dal servizio bibliotecario nazionale (SBN WEB) – del materiale librario e documentario, nonché il suo uso pubblico.
b) Salvaguardia del materiale librario e documentario raro e di pregio.
c) Prestito interbibliotecario del materiale librario e documentario anche in formato elettronico.
d) Realizzazione di attività culturali correlate alle funzioni proprie delle biblioteche di diffusione della lettura e dell’informazione, del libro e del documento cartaceo ed elettronico.

Al fine di conseguire l’integrazione delle risorse bibliografiche e documentarie esistenti sul territorio la Biblioteca può attuare forme di collegamento e cooperazione con istituzioni bibliotecarie e archivistiche pubbliche e private anche attraverso apposite convenzioni.

CAPO II

PATRIMONIO

Art. 4 – PATRIMONIO DELLA BIBLIOTECA

1. Il patrimonio della Biblioteca è costituito da:

a) Materiale librario e documentario presente in Biblioteca, tuttora in fase di catalogazione, e da quello che sarà acquisito per acquisto, dono o scambio, registrato in apposito inventario;
b) Attrezzature ed arredi in dotazione della Biblioteca

Art. 5 – INCREMENTO DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO

1. Le raccolte possono essere incrementate per acquisti, per doni o per scambi.
2. La scelta e la valutazione dei libri, periodici ed altro materiale documentario per l’incremento del patrimonio della Biblioteca, è affidata al Direttore o, se nominato, al bibliotecario pro tempore.
3. La Biblioteca valuta le proposte di acquisto di materiale librario e documentario, prevenute da lettori o enti interessati, riservandosi di procedere all’acquisto se le proposte sono conformi alle politiche impostate dalla Biblioteca Angelo Di Mario, e tenuto conto dei vincoli di bilancio.
4.
Art. 6 – DONAZIONI O LASCITI

1. Compete al Presidente dell’Associazione e al Direttore della Biblioteca l’accettazione di eventuali donazioni o lasciti (di singole opere o di fondi omogenei) a favore della Biblioteca;
2. Le opere, ricevute per donazione, dovranno essere inventariate, e ammesse alla consultazione e al prestito.

CAPO III
ORDINAMENTO DELLE RACCOLTE IN SEZIONI E FONDI
1. Il materiale della Biblioteca stimato in circa 9000 tra volumi, riviste e manoscritti è organizzato come segue:
a) Sezione etruscologia
b) Sezione storia locale e regionale
c) Sezione umanistica
d) Sezione storica
e) Sezione artistica
f) Sezione ragazzi
g) Sezione testi universitari
h) Periodici e riviste
i) Archivio e carteggi
j) Dvd e Cd

ART. 8 – PROCEDURE DI CATALOGAZIONE E CLASSIFICAZIONE

1. Tutti i materiali e quant’altro acquistato devono essere assunti in carico negli appositi registri su supporto elettronico.
2. Ogni unità deve avere un proprio numero di ingresso.
3. La catalogazione del patrimonio è effettuata mediante il software fornito dalla dotazione del Servizio Bibliotecario nazionale in particolare dal Polo Istituti Culturali di Roma. I cataloghi e le banche dati così costituiti sono messi a disposizione del pubblico.
4. La Biblioteca conserva ed aggiorna su supporto elettronico il registro cronologico d’entrata e lo schedario degli iscritti al prestito.

ART.9 – CONSERVAZIONE

1. Per garantire la corretta conservazione del materiale posseduto la Biblioteca è tenuta a periodici interventi di pulizia e spolveratura e verifica dello stato delle raccolte.
2. A scopo conservativo possono essere previste operazioni di digitalizzazione dei materiali.

ART. 10 – REVISIONE

1. Periodicamente viene effettuata sulla scorta degli inventari, a cura del Direttore e del bibliotecario pro tempore (se nominato), la revisione delle raccolte librarie e documentarie. Le unità bibliografiche e documentarie, regolarmente inventariate, che risultassero smarrite o sottratte alla Biblioteca, saranno scaricate dall’inventario.
2. Le mancanze riscontrate e gli scarti sono annotati nel registro cronologico d’entrata e nei cataloghi.

ART.11 – ORGANIZZAZIONE

1. Il Direttore della Biblioteca, nominato dai membri del Consiglio Direttivo e dal Presidente e rappresentante legale dell’Associazione Angelo Di Mario, è la Dottoressa Maria Grazia Di Mario, laureata In lettere e Filosofia. Sarà possibile nominare un bibliotecario pro tempore come aiuto operativo.
2. In base alle norme vigenti e alle politiche impostate dall’Associazione Angelo Di Mario la Direttrice indirizza le strutture operative della biblioteca, incrementa valorizza e promuove il materiale documentario e librario di particolare interesse quale la sezione di Etruscologia secondo le norme della tecnica biblioteconomia e documentaristica.
3. Al Direttore spetta l’organizzazione e gestione tecnico-biblioteconomica, la gestione amministrativa e contabile è invece a carico dell’Associazione Angelo Di Mario, e del suo personale amministrativo e contabile.
4. In particolare la responsabilità della organizzazione e della gestione della Biblioteca consente:
a) Nell’assicurare il funzionamento della Biblioteca e l’erogazione dei servizi;
b) Nell’elaborare piani previsionali con particolare attenzione al reperimento di risorse sia pubbliche che private per il funzionamento delle attività;
c) Nello svolgere attività di programmazione e di controllo;
d) Nello svolgere funzioni inerenti all’acquisizione del materiale librario e documentario, al suo ordinamento e al suo uso pubblico
e) Nell’impiegare il personale secondo le esigenze del servizio nel rispetto del profilo professionale di ciascuna unità;
f) Nell’assicurare la cura la buona conservazione dei materiali e degli arredi esistenti in Biblioteca.

CAPO IV
FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA

ART.12 – ORARIO DI APERTURA

1. La Biblioteca è aperta al pubblico il venerdì dalle ore 14 alle ore 19 e il sabato dalle ore 9 alle ore 19 tranne che nei periodi di ferie; negli altri giorni è possibile accedervi previo appuntamento telefonico.
2. Il Direttore o, se nominato, il bibliotecario pro tempore, stabilisce i periodi di chiusura della Biblioteca per ferie mentre l’ente gestore può stabilire la chiusura temporanea per lavori straordinari o ricorrenti di manutenzione dei locali, delle attrezzature e delle suppellettili documentarie, o per altre eventuali esigenze.

ART13. CRITERI DI ACCESSO ALLA BIBLIOTECA

1. L’accesso alla Biblioteca è libero.
2. L’accesso alla sala di lettura con proprio materiale è soggetto ad approvazione del Direttore o, se nominato, del bibliotecario pro-tempore.
3. Provvedimenti motivati del Presidente o, se nominato, del bibliotecario possono escludere temporaneamente, o permanentemente, l’accesso alle sale o locali della Biblioteca o riservarne l’uso.

ART. 11 – COSULTAZIONE IN SEDE

1. Sono esclusi dalla consultazione i materiai non inventariati e non numerati
2. La consultazione del materiale librario e non librario, avviene secondo criteri di ordinario buon senso
3. Il personale della Biblioteca coadiuva il lettore nelle sue ricerche con opera di consulenza assidua, discreta e qualificata.
4. La richiesta in lettura di ogni opera va effettuata implementato apposita scheda con le informazioni assunte dal catalogo e riportando i dati anagrafici del richiedente.
5. Non possono essere concessi più di due volumi alla volta, salvo deroga specifica.
6. Le opere di particolare pregio, bibliografico storico, artistico ed archivistico, non sono concesse in prestito ma devono essere esaminate in loco.
7. E’ possibile effettuare fotocopie del materiale in esposizione o scaricare il materiale stresso virtualmente.
8. Il lettore non può uscire dalla Biblioteca prima di avere restituito i volumi presi in consultazione.

ART. 18 – PRESTITO A DOMICILIO

1. Il prestito è consentito gratuitamente dalla Biblioteca (a carico del richiedente stesso saranno solo le spese di spedizione) a tutti i cittadini italiani e stranieri solo su specifica autorizzazione del Direttore o bibliotecario pro tempore.
2. L’iscrizione al prestito avviene mediante la presentazione di un documento di identità.
3. La richiesta di prestito va effettuata implementando apposita scheda con le informazioni assunte dal catalogo e riportando i dati anagrafici del richiedente
4. Per i ragazzi con età inferiore di 15 anni l’iscrizione al prestito può essere avallata da un genitore o da chi esercita la patria potestà.
5. L’iscrizione al prestito è personale e l’iscritto deve comunicare eventuali cambiamenti in indirizzo. E’ consentito il trattamento dei dati personali acquisiti per l’accesso al prestito che sono utilizzabili esclusivamente nell’ambito del procedimento per il quale sono richiesti. Detti dati, ove non più utili, dovranno essere tempestivamente eliminati dalla banca dati. Il lettore è responsabile della buona conservazione del materiale preso in prestito.
6. Non possono essere concessi in prestito più di due volumi ala volta, salvo deroga specifica.
7. Il prestito ha la durata di 30 giorni e può essere rinnovato per altri 30 se nel periodo non sono pervenute richieste per le stesse opere.
8. Deroghe ai limiti detti possono essere concesse per particolare e motivate esigenze
9. E’ fatto divieto di trasferire ad altri le opere ottenute in prestito.
10. In caso di ritardata restituzione delle opere in prestito il lettore viene avvisato mediante solleciti anche verbali e tele-scritti (mail). Con salvezza del recupero da parte della Biblioteca dei danni eventuali e dei costi sostenuti.
11. 11. In caso di reiterata ritardata restituzione è prevista la permanente esclusione dai prestiti.
12. In caso di mancata restituzione o di materiale danneggiato la Biblioteca potrà richiedere il risarcimento dei danni subiti e il rimborso delle spese eventualmente sostenute.
13. Specifici provvedimenti della Biblioteca stabiliscono quali opere e/o quali categorie siano permanentemente escluse dal prestito e quali sottoposte a particolari limitazioni di tempo e di numero; in ogni caso sono inderogabilmente escluse dal prestito:
a) Le opere di particolare pregio bibliografico, storico, artistico archivistico, carteggi, sia anteriori al 1800 che posteriori.
b) Le opere non inventariate e numerate

ART. 16 – PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO

1. La Biblioteca è iscritta al prestito di libri con l’obbligo di reciprocità con le biblioteche pubbliche o private che ammettono la reciprocità, alle stesse condizioni di numero e di tempo previste per il prestito personale.
2. Sono ammesse al prestito interbibliotecario le opere di cui al precedente articolo
3. La durata del prestito interbibliotecario è pari a quella del prestito locale con l’aggiunta di un congruo numero di giorni necessario al trasporto del materiale.

ART. 17 – RIPRODUZIONE FOTOSTATICA

1. Il servizio fotocopie è gestito dalla Biblioteca secondo la normativa vigente in tema di diritto d’autore. Il prezzo di ciascuna fotocopia è fissato annualmente.
2. Non possono essere fotocopiati i materiali che presentano rischio di deterioramento e le opere antiche o di particolare pregio, salvo specifica autorizzazione.

ART. 18 – PROPOSTE SUGGERIMENTI E RECLAMI

1. Possono essere proposte alla Biblioteca proposte intese a migliorare le prestazioni.
2. Il lettore può avanzare critiche e inoltrare al Direttore reclami in ordine alla conduzione della Biblioteca a cui sarà data risposta motivata nel più breve tempo possibile.

ART. 18 – NORME DI COMPORTAMENTO PER I FREQUENTATORI

1. Le persone che frequentano la Biblioteca sono tenute ad un comportamento consono ad un luogo di studio ed al rispetto delle disposizioni del presente regolamento. Chi trasgredisca il regolamento, parli a voce alta e ne turbi comunque la quiete, può essere allontanato.
2. E’ a tutti rigorosamente vietato accedere in Biblioteca con borse e cartelle, sono consentiti personal computer, i-pad ed altri oggetti pertinenti allo studio ma di volta in volta autorizzati. Inoltre è vietato fumare, entrare o trattenersi nelle sale di consultazione per fini estranei alla consultazione stessa dei cataloghi e alla lettura delle opere, far segni o scrivere, anche a matita, sui libri, sia pure per correggere eventuali errori dell’autore o del tipografo, usare telefonini e macchine fotografiche. Gli utenti, oltre a rispettare il materiale bibliografico e documentale dovranno non arrecare danni agli arredi ed attrezzature, ogni danno dovrà essere ripagato dal responsabile.

INTERNET E RISORSE MULTIMEDIALI

I servizi multimediali sono riservati ai tesserati ad eccezione degli accompagnatori di disabili e degli adulti che assistono i minori. Gli accompagnatori sono comunque identificati e registrati accanto al titolare della sessione (previo rilascio tessera e carta d’identità).

Dalle postazioni si può:

– navigare in internet;
– accedere alle webmail;
– utilizzare programmi di videoscrittura, fogli di calcolo, database o di altri applicativi se già installati sulla postazione;
– salvare dati ed effettuare download di file su supporti ottici e magnetici di proprietà dell’utente.

Per l’assegnazione della postazione l’utente deve esibire la tessera. Può essere richiesta la prenotazione della postazione.

La postazione è a disposizione dell’utente per una sessione giornaliera della durata massima frazionabile di 90 minuti.

Compatibilmente con l’organizzazione dei servizi ciascuna biblioteca può prevedere la prenotazione telefonica dei computer.

L’utente che non si presenta entro dieci minuti dall’inizio della propria sessione, perde il diritto all’utilizzo del computer a meno che la postazione non sia rimasta libera.

Divieti e responsabilità dell’utente nella navigazione Internet

L’utente è responsabile dell’utilizzo della postazione. La Biblioteca è sollevata da ogni responsabilità civile o penale derivante da un uso illegale da parte dell’utente del collegamento a Internet. L’utente ha l’obbligo di rispettare le leggi vigenti sul diritto d’autore e sulla privacy.

All’utente è vietato:

• modificare o danneggiare la configurazione hardware e software dei computer;
• installare programmi;
• accendere, spegnere o resettare i computer;
• visitare siti che per contenuto o immagini non sono idonei a un luogo pubblico.

La biblioteca non è responsabile del contenuto, della qualità e della validità delle informazioni e non garantisce la riservatezza della consultazione.

Il personale della Biblioteca può effettuare un controllo in qualsiasi momento durante la consultazione.
BIBLIOTECA ANGELO DI MARIO UTILIZZO ACCESSO AD INTERNET DEI MINORI

Data _________

Il sottoscritto ________________________________ nato a ____________________ il __________ e residente (vedi dati iscrizione Tessera n. ) identificato mediante: documento di identità in corso di validità di cui allego copia (tipo documento e n. ________________________________________) in qualità di genitore/tutore iscrive il minore _____________________ nato a _________________________il ____________e residente a (vedi dati iscrizione Tessera n. ________________ ) identificato mediante: documento di identità in corso di validità di cui allego copia carta identità crs
Io genitore/tutore, valendomi della facoltà concessa dall’art. 47 del D.P.R. 445/2000 ed a conoscenza che in caso di dichiarazioni mendaci saranno applicate nei miei confronti le pene stabilite dal Codice Penale e dalle leggi speciali in materia (art. 76 D.P.R. 445/2000) e in caso di dichiarazioni non veritiere è prevista la decadenza dal beneficio eventualmente conseguito (art. 75 D.P.R. 445/2000),

DICHIARO SOTTO LA MIA PERSONALE RESPONSABILITÀ CHE:

Ho preso visione delle “Procedure operative di organizzazione del Servizio Internet” offerto dalla Biblioteca Angelo Di Mario e ne accetto totalmente i contenuti impegnandomi al loro rispetto.
Dichiaro espressamente di essere a conoscenza della normativa L. 155/2005 (norme urgenti per il contrasto del terrorismo internazionale) e della legge relativa alla pedofilia on-line e mi impegno ad insegnare a mio figlio ad evitare siti e chat a contenuto pedo-pornografico e a non scaricare per nessun motivo foto e quant’altro per cui la detenzione e il download è proibito dalla legge.
Sottoscrivendo il presente modulo io genitore riconosco espressamente e accetto che sarò ritenuto unico e solo responsabile a nome e per conto di mio figlio di qualsiasi atto posto in essere, utilizzando la postazione di volta in volta identificata, in violazione delle regole stabilite dal presente accordo, dalle “Regolamento e procedure operative del Servizio Internet in Biblioteca” e dalla normativa vigente in generale. A tal fine io sottoscritto esonero espressamente la Biblioteca Angelo Di Mario, fornitore del servizio, da qualsiasi responsabilità in relazione a tutte le attività e agli atti compiuti durante l’uso della postazione da parte di mio figlio.
Mi assumo ogni responsabilità per l’uso che mio figlio farà del servizio impegnandomi a spiegargli le regole per l’utilizzo e, in particolare, che egli dovrà:
• utilizzare la postazione in conformità alla normativa italiana e internazionale vigente evitando di arrecare danni e pregiudizi di qualsivoglia natura ad alcuno;
• tenere un comportamento rispettoso delle regole di decenza, di morale e di buon uso dei servizi della rete evitando atti o comportamenti che possano recare offesa a cose, persone o istituzioni presenti o meno sulla rete o che si trovano nei locali del Comune e della biblioteca;
• riconoscere che la Biblioteca Angelo Di Mario non è responsabile per il contenuto, la qualità e la validità di qualsiasi informazione reperita o inserita in rete;
• sollevare la Biblioteca Angelo Di Mario e il suo personale da qualsiasi responsabilità per qualsiasi evento subito in proprio o arrecato a terzi durante o a seguito dell’utilizzazione della postazione/collegamento Internet assumendosi in generale ogni responsabilità derivante dall’uso del servizio Internet in oggetto;
• riconoscere che il non rispetto delle “Procedure operative di organizzazione del Servizio Internet presso la Biblioteca Comunale comporterà l’applicazione di sanzioni quali, tra l’altro, l’esclusione dal servizio;
• Permettere il controllo del personale in qualsiasi momento durante l’uso di internet
• comunicare subitaneamente alla Biblioteca Angelo Di Mario, la variazione dei dati personali e di recapito forniti per l’iscrizione
• che la foto /documento di identità forniti sono del figlio minore sopra generalizzato.

IL SOTTOSCRITTO

__________________________
Informativa privacy D.lgs 196/03 art. 13

Nel rispetto delle norme di legge, la Biblioteca dovrà tener traccia delle sessioni e delle transazioni effettuate dagli utenti. I dati sono, dunque, raccolti per tale finalità.
L’utente che voglia effettuare l’accesso ad Internet dovrà preventivamente sottoscrivere il presente modulo e la biblioteca terrà il registro di accesso alle postazioni Internet, indicando Nome, Cognome, Residenza, numero di telefono, ora di inizio della connessione, ora della fine della connessione, firma.
In base alla legislazione antiterrorismo, L.155/07, i dati relativi alla navigazione saranno conservati tutelandone la riservatezza, in forma cartacea e/o elettronica.
Il conferimento dei dati è facoltativo, tuttavia il rifiuto a fornirli comporterà l’impossibilità di erogare il servizio.
Il personale della biblioteca, incaricato del trattamento, è autorizzato al controllo visivo delle postazioni per verificare il corretto utilizzo degli strumenti.
I dati potranno essere comunicati al Responsabile dei Servizi alla persona ed alle autorità competenti in caso di riscontro di illeciti, ma non saranno diffusi.
Il personale della biblioteca ha la facoltà di interrompere, senza preavviso, le sessioni di utilizzo della
postazione per i seguenti motivi:
– esigenze di servizio
– violazioni del regolamento da parte dell’utente
– accessi a siti non consoni al servizio.
Le ricordiamo che l’art. 7 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 le riconosce fra l’altro il diritto di avere conferma dell’esistenza di dati che la riguardano, di cancellarli, di rettificarli, di opporsi in qualsiasi momento al loro utilizzo per invio di materiale pubblicitario, ricerche di mercato, vendita diretta, comunicazione commerciale interattiva. Per l’esercizio di tali diritti e per qualsiasi informazione potrà rivolgersi al Responsabile Servizi sociali e cultura.
Titolare del trattamento è la Biblioteca Angelo Di Mario.

IL SOTTOSCRITTO

Vallecupola – Rocca Sinibalda
Data 10/02/2015 Associazione Angelo Di Mario

Il Presidente e legale rappresentante
Ivana Flippeschi

Share